STORYTELLING

-nessuno-

1

Frequenza

Giovedì dalle ore 20 alle ore 23. Inizio: Giovedì 9 novembre

Durata

da novembre 2017 a febbraio 2018 (12 incontri)

Per scoprire che prima di tutto c'è sempre una storia da raccontare
Per imparare a raccontarla al meglio, senza preoccuparsi del mezzo con cui si fa
Per trasformare quel soggetto che abbiamo in mente da un po', in una storia avvincente

A CHI E' RIVOLTO

A coloro che desiderano acquisire le basi della narrazione di una storia e a chi, già in possesso delle nozioni di base, avverte il bisogno di editing, esercizio e confronto, per far crescere il proprio progetto di scrittura.

Per scoprire che prima di tutto c'è sempre una storia da raccontare
Per imparare a raccontarla al meglio, senza preoccuparsi del mezzo con cui si fa
Per trasformare quel soggetto che abbiamo in mente da un po', in una storia avvincente

A CHI E' RIVOLTO

A coloro che desiderano acquisire le basi della narrazione di una storia e a chi, già in possesso delle nozioni di base, avverte il bisogno di editing, esercizio e confronto, per far crescere il proprio progetto di scrittura.

Agli allievi principianti non è richiesta una preparazione specifica nell'ambito dello spettacolo, ma un interesse in almeno un'area espressiva tra cinema, teatro, tv, letteratura, web, pubblicità.
Il corso è anche un valido approfondimento per insegnanti, giornalisti, traduttori, responsabili risorse umane, formatori aziendali, coach, manager e liberi professionisti, oltre che per attori, registi e lavoratori dello spettacolo in genere.

OBIETTIVI

Il percorso didattico nasce dal principio che una storia può essere creata per media differenti, ognuno dei quali richiede competenze specifiche. Ma ancor prima di decidere il linguaggio e la forma espressiva con cui la storia prenderà vita (pièce teatrale, racconto, romanzo, sceneggiatura per il cinema, la tv o il web), è indispensabile apprendere le regole universali della narrazione, i principi che permettono di costruire storie avvincenti e capaci di inchiodare l'attenzione del pubblico di riferimento.
Tali principi, una volta appresi, necessitano di costante esercizio, di confronto e condivisione, che vengono garantiti dalla natura collettiva del corso dove ogni partecipante può diventare anche lettore attento del lavoro altrui cui fornire spunti e suggerimenti.

CONTENUTI

  • Principi della struttura narrativa
  • Archetipi ricorrenti
  • Scrittura cross mediale tra teatro, narrativa, cinema, tv e web
  • Ideazione e sviluppo del personaggio
  • Tecniche di sviluppo di un concept
  • Tecniche di sviluppo della trama
  • Caratteristiche tecniche del "soggetto"
  • Fasi di sviluppo di una storia
  • Principi di editing (per allievi già in possesso di nozioni di base)
  • Come si costruisce una trama? Quanti tipi di personaggi esistono? Che rapporto devono avere fra loro perché la storia risulti coerente? Cos'è un climax e come si costruisce? E un colpo di scena? Come si stabiliscono l'inizio e il finale? Cos'è la struttura narrativa? Queste le principali domande alle quali troveremo risposta.
  • La natura soprattutto pratica del corso invita i partecipanti all'esercizio della scrittura a partire da queste e ad altre domande principali.
  • Ogni partecipante viene guidato infatti nello sviluppo di uno o più "soggetti" di storie originali, nate da spunti personali. In alcuni momenti vengono sperimentate forme di collaborazione su idee specifiche, attraverso il lavoro a coppie o in piccoli gruppi, per ottenere infine una struttura solida e personaggi accattivanti. Al termine del corso ogni allievo sceglie il media specifico con cui è interessato a sviluppare la storia stessa.

Nel corso dell'ultimo incontro vengono presentate al pubblico le storie elaborate.

MATERIALI Supporto per la scrittura digitale di proprietà del partecipante (pc, tablet, etc).
All'atto di iscrizione gli allievi sono invitati ad inviare un breve elaborato (max 5000 caratteri) a tema libero, scegliendone a propria discrezione la forma: racconto, dialogo, pagina di diario, recensione, cronaca di un fatto realmente accaduto, barzelletta o anche una sola battuta purché scritte di proprio pugno; l'unico genere non pertinente è la poesia perché distante dal percorso didattico.
Inviare l'elaborato a info@campoteatrale.it

Daniele Milani È attore, regista e autore. Si è diplomato come attore presso la Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi, ed è laureato in Lettere presso l'Università degli Studi dell'Aquila. Ha partecipato al Master in scrittura per la fiction e il cinema presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha scritto, diretto e interpretato spettacoli per il Teatro Stabile d'Abruzzo, per il Teatro Stabile di Innovazione l'Uovo e per il consorzio ScenAperta, polo teatrale dell'alto milanese. Le sue produzioni sono state ospitate in varie rassegne del panorama nazionale tra cui il Festival Internazionale VIE organizzato da Emilia Romagna Teatro a Modena e il Festival Veneto OperaEstate. È docente di storytelling aziendale ed è stato coordinatore didattico del laboratorio di storytelling e scrittura autobiografica per manager e dirigenti aziendali dell'Università Cattolica di Milano. Si occupa inoltre di teatro/azienda, progettando e dirigendo spettacoli che prevedoo sempre grande interazione tra attori e pubblico. È autore del libro "Creare teatro formazione per le aziende" Dino Audino editore ed è tra i ghostwriter della fortunata serie di romanzi per ragazzi che hanno per protagonista "Geronimo Stilton".

 

Richiedi informazioni

Facebook Twitter Vimeo Youtube

Seguici su social Network!