Descrizione

CAMPO TEATRALE / LIA GALLO, MARCO BOLLA, MARTA ANNONI

dal 13 al 15 maggio ore 21.00
(giovedì ore 20.00)

“Siamo come quando si rivoltano le tasche
siamo tasche rivoltate dalle quali escono briciole
di pane
di fazzoletti di carta che hai dimenticato di togliere prima della lavatrice
5 euro a sorpresa
l’orecchino che pensavi di aver perso
Siamo cose perse e ritrovate a sorpresa nel risvoltarci, nel rivoltarci”

Io… io ho un buco. Qui. In mezzo alla pancia. Non so bene quando è spuntato. So che prima non c’era. Ero io, tutta intera. Poi all’improvviso ho sentito come uno spiffero. Avete presente quando si lasciano le finestre leggermente aperte d’inverno? O semplicemente quando da sotto la porta un filo di freddo striscia per entrare in casa? Ecco. Questa sensazione di essere attraversata da un filo freddo. Ad un certo punto lo spiffero è diventato la bora baltica e ho dovuto alzare il vestito. Il buco era lì, nero come l’inchiostro, come la pece nero, nero come… E uno cosa può fare quando vede un buco in mezzo alla pancia? Non potevo mica andare dal mio dottore e dirgli “Scusi dottor Pasqualini, Ho un buco qui”. Ho provato a cancellarlo… ma un buco non si cancella. Un buco si tappa. Forse. E comunque questo buco è ancora qui. Ecco. E credo di esserci caduta dentro.

Forse tutti sono caduti in un buco almeno una volta nella vita; ci sono buchi piccoli come capocchie di spillo, ci sono buchi grandi come tombini, come crateri, come voragini o buchi neri. Il Buco è la storia di qualcuno e di tutti, è la storia di chiunque ha vissuto momenti difficili e ha sentito il mondo corrodersi attorno a sé o ha sentito sé stesso sparire. Il buco può essere un lutto, un trauma, una perdita, un vuoto, un inciampo, la depressione, una crisi esistenziale, un disturbo alimentare. Non importa che volto, che nome assuma questo gigante invisibile di fronte al quale ci si sente un peso piuma. Si sta lì, a pugni alzati, soli, senza parole per poter spiegare e chiedere aiuto. E se invece bastasse abbassare la guardia? Se dal nero potesse farsi largo un filo di luce?

Durata: 60 minuti

E' POSSIBILE ACQUISTARE I BIGLIETTI FINO AD UN'ORA PRIMA DELL'INIZIO DELLO SPETTACOLO.

Acquista Fino:15/05/2020
Dal:13/05/2020
Luogo:Campo Teatrale via Cambiasi 10 Milano

Biglietti

ridotto acquisti on-line €14
Prezzo scontato per gli acquisti on-line anzichè € 20
14.00
ridotto convivio + spettacolo €24
Solo il giovedì - offerta Convivio (cena dopo lo spettacolo) piu' spettacolo
24.00
ridotto prima replica €10
Solo mercoledì 13 maggio
10.00
Accedi o Registrati per effettuare un acquisto

Associazione Culturale Campoteatrale
Cod. fisc. e P.Iva 06216640968
Codice univoco: W7YVJK9

Campo Teatrale srl
Cod. fisc. e P.Iva: 03313560967

Privacy Policy

Tel 02 26 11 31 33
Sede via Casoretto 41/A – Milano
Ingresso Teatro via Cambiasi 10 – Milano
Orari lun – ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19
Metro MM2 Udine-Lambrate
Linee di superficie 55-62

 

Whatsapp