Stabat Pater - Viaggio tra padri combattenti

Alma Rosé

Dal 19 al 24 Aprile 2022
martedì e venerdì: ore 20:30
mercoledì, giovedì e sabato: ore 21
domenica: ore 18:30
+ Google Calendar + iCal
Prezzo intero € 20 + prevendita
Acquista
Biglietto ridotto se acquisti on-line €15 + prevendita

Biglietto prima replica a €10 + prevendita

Stabat Pater è un progetto che vuole raccontare di padri che cercano una risposta a un dolore che ha segnato la loro vita e il loro ruolo di genitore. Padri di figli che non parlano, non camminano, non ridono come tutti gli altri bambini. Padri che si sono sentiti derubati due volte: la prima quando si sono sentiti privati del figlio che sognavano, la seconda volta quando si sono sentiti derubati del loro ruolo, quello di insegnare al figlio a fare tante cose, di portarlo nel mondo. Saranno invece tante le cose che il figlio non potrà fare e anche il mondo che si troverà davanti non lo faciliterà.

Il progetto vuole dar voce a storie vere, raccolte attraverso le nostre interviste e i nostri incontri, testimonianza viva di quei padri “combattenti” che ogni giorno si misurano davanti alle esistenze fragili dei loro figli e che hanno saputo trasformare il loro dolore in un nuovo progetto di vita. Storie che ci mettono davanti alla fragilità maschile, spesso nascosta o ignorata perché ancora tabù. Eppure è proprio da quella che si costruisce una forza.

Tra confessioni fatte di rabbia e di amore, di smarrimento e di forza, i nostri sono padri che attraversano gli abissi dell’insicurezza e della disperazione, per poi risalire e rinascere insieme ai loro figli con nuovi sguardi e nuovi orizzonti.

PADRI COMBATTENTI

Un Padre che tutti i giorni accudisce il proprio figlio. Non più solo la madre, c’è anche lui. Vestirlo, dargli da mangiare, caricarlo in macchina, portarlo a scuola. É faticoso perché il figlio non è più così piccolo, è una sorta di palestra a vita. É cosi che scorre la mattina di un giorno come un altro, ma di un padre diverso dagli altri dentro casa nel momento dell’accudimento e fuori casa, per strada, nel parcheggio, a scuola, in ufficio, nel nostro mondo.

Vorremmo che nel nostro spettacolo si sposassero insieme immagini di vita quotidiana e momenti universali. Piccolo e grande, sacro e profano.

Scandisce il tempo della narrazione una voce che recita uno “Stabat Pater”: versi che hanno attraversato secoli e che ci mettono davanti a quel senso di sacralità che avvolge il dolore, la vita, il filo che unisce padre e figlio, la fragilità interiore e quella di una esistenza limitata dalla disabilità.

In scena due protagonisti: un attore nel ruolo del padre e un danzatore in quello del figlio, corpo narrante senza voce. Indifesi, entrambi e legati da un rapporto indissolubile, fatto di tensioni e di sentimenti.

Via via, a piccoli passi, lo spettacolo ci accompagna dentro le storie di padri esemplari, immerse in mari estremi e profondi. Quella che agli occhi del mondo è una ferita incolmabile, fastidiosa da guardare perché a tutti ricorda la vulnerabilità della nostra vita, è anche forza costruttiva. Battaglie solitarie di padri comuni impegnati nel cercare di diffondere un nuovo sguardo sulla vita e sulle relazioni, nella realizzazione di progetti reali, concreti.

Credits

un progetto di
Manuel Ferreira ed Elena Lolli
con
Manuel Ferreira e Gioele Cosentino
regia di
Claudio Orlandini
coreografia
Lara Guidetti
musiche di
Maura Buttafava
video di
Michele Ciardulli
una coproduzione di
Alma Rosé e Sanpapié
scene e costumi
Stefano Zullo
luci
Andrea Violato e Mike Reyes

Date evento

Dal 19 al 24 Aprile 2022
martedì e venerdì: ore 20:30
mercoledì, giovedì e sabato: ore 21
domenica: ore 18:30

Orari biglietteria

Presso gli uffici in via Casoretto, 41/a
Dal lunedì al venerdì 15.00 -19.00
Sabato 10.00 - 18.00 / Domenica 10.00 - 18.00
Presso la biglietteria del teatro in via Cambiasi, 10
Solo nei giorni di spettacolo, da mezz'ora prima dell'inizio della replica.

Ingresso

via Cambiasi, 10 (MM2 Udine / Linee bus 55-62)

Dicono di noi

Ieri sera non solo spettacolo, cena tutti insieme! Grazie a Campo Teatrale per la bellissima iniziativa “Convivio”, un eccellente modo per avvicinare ancora di più il pubblico al teatro.

Spettatore #24
Dai questionari spettatori 16/17

Volevo davvero ringraziarvi per la bellissima serata di ieri sera. “Convivio” è un’iniziativa meravigliosa e dà un valore aggiunto al vostro teatro. Grazie mille!

Spettatore #25
Dai questionari spettatori 16/17

Piacevole la corte, l’allestimento essenziale, la semplicità degli spazi, l’area periferica, il pubblico di giovani: sorprendete la coincidenza di ritrovare amici su vari fronti accomunati dal desiderio di condivisione di esperienza nuova, fuori dai percorsi consolidati.

Spettatore #1
Dai questionari per spettatori 16/17
 Spettacoli di qualità. Bravi!
Spettatore #10
Dai questionari per spettatori 16/17
Spettacoli intensi, emozionanti, che aprono a domande… Importante la condivisione dopo lo spettacolo.
Spettatore #11
Dai questionari per spettatori 16/17
Mi piace il vostro modo di stare nel teatro.
Spettatore #16
Dai questionari per spettatori 16/17
Questo spettacolo ha creato un’atmosfera incredibile, tutti gli amici che ho invitato mi hanno ringraziato molto per averli resi partecipi.
Spettatore #15
Dai questionari per spettatori 16/17
Come prima esperienza al campo teatrale è stato molto interessante. Lo spazio è davvero bello. Ci tornerei per altri spettacoli.
Spettatore #13
Dai questionari per spettatori 16/17
Serata molto carina ed interessante sono andato via con la convinzione e la gioia di aver assistito a qualcosa di speciale
Spettatore #12
Dai questionari per spettatori 16/17
È un luogo molto piacevole dove si sta bene e ci si sente a casa.
Spettatore #17
Dai questionari per spettatori 16/17

Prima volta al campo su invito di una mia amica. Mi sono divertito un sacco, splendida accoglienza e si entra nel vivo della rappresentazione. Bravi gli attori qualità alta. Grazie.

Spettatore #18
Da Facebook

Non lo conoscevo e ho scoperto un luogo intimo e accogliente… Da non perdere di vista!

Spettatore #23
Da Facebook

Un luogo intimo, senza essere piccolo, in cui ho visto succedere piccoli miracoli e cose meravigliose.

Spettatore #22
Da Facebook

Posto meraviglioso, teatro di qualità, persone di cuore.
Questo è il teatro che fa stare bene.

Spettatore #21
Da Facebook

Una realtà che mi è piaciuta… dove l’arte si esprime per chi ha la capacità di non seguire il gregge….mi è piaciuta l’aria e le persone….

Spettatore #20
Da Facebook
Sono stato da voi due volte, a vedere spettacoli differenti e tutte e due le volte la qualità dell’offerta e del lavoro è stata molto alta.
Spettatore #2
Dai questionari per spettatori 16/17

Fino adesso qui ho assistito ai due migliori spettacoli dall’inizio dell’anno. Non lo conoscevo ma credo di essermi già affezionata. Da provare.

Spettatore #19
Da Facebook
 Spettacolo bellissimo e ambiente caloroso, sono stata benissimo! Sono rimasta molto soddisfatta e colpita, come ogni volta che passo a Campo del resto 🙂
Spettatore #8
Dai questionari per spettatori 16/17
Gentilezza nell’accogliere il pubblico. Bel posto, accogliente per gli spettatori e anche per gli studenti che si formano lì nella scuola.
Spettatore #7
Dai questionari per spettatori 16/17
Mi avete regalato una splendida serata e giorni di profonda riflessione.
Spettatore #6
Dai questionari per spettatori 16/17
Ottima l’idea della cena con attori/regista e discussione. Non mi è mai capitato, nemmeno all’estero.
Spettatore #5
Dai questionari per spettatori 16/17
Continuare sulla strada delle proposte come cena con gli attori e regista, sono le iniziative di questo tipo che avvicinano il pubblico e lo fanno sentire a teatro come a casa. Grazie.
Spettatore #4
Dai questionari per spettatori 16/17
Ambiente molto giovane, fresco e piacevole!
Spettatore #3
Dai questionari per spettatori 16/17